Leader Skin Review #5 – Anna Henrietta
29 Aprile 2020
Analisi Patch 6.2 + mazzi per iniziare la stagione
7 Maggio 2020

Il lato oscuro di ESC, capitolo 3

DISCLAIMER: Il contenuto dell’articolo è a scopo completamente ed esclusivamente satirico, non prendete del serio nulla di quanto leggerete. Del resto è scritto da me, vi dovrebbe già far pensare. 

Movius

 

Bentornati a voi difensori della verità che continuate a supportarmi nonostante i poteri forti cerchino di fermarci.

Innanzitutto voglio cominciare con una buona notizia, sempre più rare da quando ho iniziato questo compito, dopo il mio articolo di settimana scorsa infatti si è verificato un enorme scontro interno al team, a quanto pare non tutti erano d’accordo sul rapimento e la detenzione di Giordaniko.

Dopo numerose ore di dibattito e discussione si è finalmente arrivati a una soluzione, Giordaniko è stato liberato, ma al momento indossa una cavigliera che, in caso non pubblicasse i post di ESC, gli infliggerebbe una scarica di elettricità potenzialmente fatale.

Ho sentito dire che ormai la sua mente è talmente compromessa che sta scrivendo una Skin Review sulla cavigliera…

Chiaramente la situazione è ancora tragica, ma quantomeno può di nuovo vedere il cielo e respirare un po’ d’aria pulita.

 

Ma purtroppo è finito il momento delle buone notizie, quella che vi racconto oggi è infatti la storia di un’altra vittima di ESC. È un giocatore in particolare, di cui non diremo il suo nome per motivi di sicurezza.

Quella che ha vissuto lui è un’esperienza probabilmente molto più traumatica di quella che ha sofferto Giordaniko. 

È un giocatore che ha tentato un’impresa in cui molti altri prima di lui hanno fallito, e da cui ne sono usciti distrutti, e vi anticipo già che lo stesso è successo anche a lui.

Quale sarà questa impossibile impresa vi chiederete voi… beh, cari lettori, questo player di ESC ha provato ad aiutare SirLothian a giocare a Gwent.

Non potete capire quanto sia traumatica questa esperienza finché non la provate su la vostra pelle, ve lo scrive uno che ci ha provato, ma ha rinunciato prima che la sua mente si perdesse per sempre.

Quindi oggi, in assoluta esclusiva, vi porto l’intervista che ho effettuato in privato a questo giocatore, che ci racconterà la sua esperienza, abbrevierò me stesso con IFDD e il giocatore anonimo con GA.

IFDD: “Ti ringrazio della tua disponibilità, sei molto coraggioso a raccontare la tua storia anche se ovviamente non sei obbligato”

GA: “Sono io che ti ringrazio per la possibilità, la gente deve sapere a cosa sono sopravvissuto”

IFDD: “Molto bene allora, quando sei pronto cominciamo”

GA: “Vai, ci sono”

IFDD: “Allora raccontaci un po’ dall’inizio la tua storia”

*Ci tengo a precisare che il giocatore era estremamente scosso ed era chiaramente visibile che rispondere alle domande gli riportasse alla mente terribili ricordi.*

GA: “E’ cominciato tutto una sera…  stavo giocando tranquillamente quando mi è arrivato un messaggio su discord da SirLothian, mi diceva che voleva riprovare dopo diverso tempo a giocare e mi chiedeva se potessi dargli una mano. Io non ci ho visto nulla di male a dargli una mano, anzi ero felice di aiutare un nuovo giocatore”

IFDD: “Nessuno ti aveva detto che molti prima di te avevano fallito in questo compito?”

GA: “Avevo sentito delle voci ma non le avevo ascoltate più di tanto… non ci avevo dato peso…quanto mi sbagliavo….Comunque gli ho risposto che l’avrei aiutato volentieri e ci siamo messi d’accordo per fare un po’ di partite insieme una delle sere successive… Scusa possiamo fare una pausa?”

IFDD: “Certo tranquillo, prenditi il tuo tempo”

*Abbiamo fatto una pausa di 15 minuti in modo che GA potesse prendere un po’ d’aria e rilassarsi un po’, dopodichè ci siamo rimessi al lavoro.*

GA: “Ok sono pronto”

IFDD: “Allora, come sono andate queste partite?”

GA: “Ho pensato di iniziare vedendo come se la cavava da solo e beh… è andata malissimo… ho visto delle cose indicibili che ho dovuto dimenticare per non impazzire… ma non è la cosa peggiore, dopo un paio di partite ho capito che forse era il caso che giocassimo insieme, lui avrebbe solo dovuto giocare ciò che gli dicevo io, in modo da prenderci un po’ la mano”

IFDD: “Insomma lui sarebbe stato il braccio e tu la mente”

GA: “Esattamente, o almeno questo è quello che pensavo io… è stato tragico, non solo a volte giocava senza che gli dicessi niente, facendo disastri, ma anche quando seguiva i miei consigli o sbagliava a posizionare, o faceva le giocate in ordine errato… neanche l’interfaccia d’aiuto di Gwent è riuscito a fermarlo… io… io non so come facesse. Non si può giocare così male, meno che meno quando uno ti dice esattamente cosa fare… Ma la cosa peggiore era che in alcune giocate dovevo ovviamente ragionare di più rispetto che in altre, e magari a volte arrivavo vicino alla fine del tempo nel turno… Succedeva che se non riuscivo a dirgli cosa giocare prima che iniziasse il countdown del turno lui giocava quello che era meglio secondo lui… ho visto alcune giocate che una mente umana non potrebbe concepire, non c’è niente di normale nella sua idea di Gwent”

IFDD: “Dev’essere stata un’esperienza davvero traumatica, adesso che è passato un po’ di tempo come ti senti?”

GA: “Adesso meglio, sto seguendo un percorso di cure da uno specialista, l’altro giorno sono quasi riuscito ad aprire Gwent senza avere una crisi di panico… forse tra un paio di season riuscirò anche a fare qualche partita, ma per adesso non me la sento. Mi basta vedere il logo della CD Projekt per farmi tornare alla mente quella serata, e non posso, non voglio ricordare. Già concedere questa intervista dimostra gli enormi progressi che ho fatto ultimamente”

IFDD: “Certamente, e ti ringraziamo tutti ancora una volta per la tua testimonianza, vuoi dire qualcosa a quelli che leggeranno questa intervista?”

GA: “Non fate il mio stesso errore, se trovate un messaggio di SirLothian che chiede aiuto su Gwent, non rispondete, bloccatelo, cancellate la chat, disinstallate discord, bruciate il PC e evitate ogni connessione a internet per un paio di settimane, è l’unico modo per evitare di finire come me e quelli che prima di me hanno tentato questa impresa”

Il figlio di Dagon

ESC Card Gaming Phoenix Logo


Seguici sui nostri canali:

    Discord               Twitter            Telegram

    Facebook           Instagram

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PHP Code Snippets Powered By : XYZScripts.com